Idee in Movimento – … BASTA… !

Salve sporadici lettori e attivisti assonnati. Avrete senz’altro letto, visto o sentito le polemiche riguardo al Movimento e della sua presunta “implosione”. Vorrei permettermi di divulgare quello che secerna la mia testolina di ventunenne stramboide. Vorrei esprimermi in maniera quanto più ASETTICA possibile al riguardo, perciò andrò dritto al sodo. L’Idea di fondo del movimento è l’unica certezza in questo calvario di battibecchi e incongruenze, il discutere sul “vessillo”, il “nome di beppe” e gli annessi e connessi, sono a mio avviso Futilità Fuorvianti, figlie di una mentalità politica insediatasi in noi dal marciume che ci viene proposto ogni dì dai mezzi di comunicazione di massa. BASTA.

BASTA INCONGRUENZE. BASTA RAGIONARE SECONDO I SOLITI CANONI. BASTA “PARTITIZZARE” OGNI COSA.

Le persone che hanno idee, punti di vista comuni, si dovrebbero riunire, confrontarsi, educarsi, compensarsi. Se hai un idea, parlane con chi conosci, vedi se la cosa è condivisa e ti organizzi. Grillo ha dato l’input. PUNTO. L’idea è cosa buona e giusta, ora sta a noi decidere come, quando e che cosa farne di quest’ input.

Non vuoi usare il nome di “MOVIMENTO 5 STELLE?” non importa! l’importante è che tu sia ATTIVO sul territorio, ti organizzi e crei reti di comunicazione, affinchè le iniziative conseguenti alle tue idee possano realmente avvenire nella tua città. Non soffermiamoci a discutere dei “piani alti” del movimento. Bisogna fare piccoli passi, guardarsi attorno, rendersi conto di ciò che non và sotto il proprio naso. Il cambiamento del paese è l’utopistico fine ultimo del movimento. Ora ci si deve concentrare sul nostro quotidiano.

Potrebbero interessarti anche...

8 Risposte

  1. il monzese ha detto:

    Quando hai finito di dire ovvietà, che approvo a pieno titolo, risponderesti ad una domanduccia?
    Entriamo nel quotidiano.
    Un ragazzo di vent’anni, che credo pensi con la sua testa, viva la quotidianità dei giovani suoi coetanei, frequenta piazze, spazi pubblici, locali, utilizza servizi, parla con le persone, ascolta i parenti, discute con gli amici, affronta i problemi, – ecco la domanda – cosa vede che assolutamente non va nella sua ridente cittadina cercolese?
    Compila un elenco se i punti sono tanti e si accettano anche risposte aperte.
    Da questa risposta può partire un piano d’azione, che è il vero obiettivo del movimento.

    • FRANCESCO ha detto:

      grazie del commento quasi immediato (!)

      la problematica principale, entrando nel quotidiano, è la mancata discussione di certi problemi con le persone. Io non ho “NUMEROSE” conoscenze, ed è per questo che faccio questi “PROCLAMA” , affinchè persone con conoscenze sostanziose, facciano il passaparola. Quei pochi con cui ho il piacere di dialogare, o è disinteressato, o cambia argomento o non è di Cercola. Nel mio piccolo cerco di instaurare una conversazione che implichi ad una azione conseguente, con risultati miserrimi.

      Ecco, vorrei intanto, almeno con quello che io personalmente ho notato, abbozzare una lista, naturalmente ce ne saranno altre di problematiche che, chi vive al 120% la sua città, saprà proferire sicuramente meglio di me:

      1- la mancata preservazione del manto stradale , fogne occluse, cementificate, con segnaletica scadente o non esistente, con conflitti sulla regolarità di parcheggi a pagamento e non (strisce blu ok, ma le macchinette dove sono??);

      2- abuso edilizio a go-go, persone e/o negozianti che si costruiscono attici, balconate o affini senza un regolare permesso e/o occupano suolo pubblico con loro appendici di lavoro (tavolini dei bar, il contenitore dei “cibi caldi” delle pizzerie, per dare un’idea, etc. …);

      3- l’apparente, e ripeto APPARENTE rifiuto dell’autorità di consentire di filmare le riunioni del consiglio comunale (aspetto gradevole smentita);

      4- il tacito consenso per i venditori (sono privati, nessuna licenza, nulla!) ambulanti di cibaglie arrostite varie

      Ma queste sono “solo” problemini cavillosi, ovviamente non siamo in una ridente cittadina, (non è normale che nessuno, o meglio, una stretta cerchia di persone conosca chi amministra il nostro comune mentre il resto se ne frega altamente o non richiede il bilancio del comune per sapere in che modo spendono soldi pubblici);

  2. il monzese ha detto:

    Quindi a Cercola si sta bene, a parte qualche buca per le strade, la puzza di fritto dei venditori di zeppole che occupano parte del marciapiede e la poca telegenia del sindaco. Beh pensavo peggio, alla fine non si sta così male, quasi quasi mi ritrasferisco. 🙂
    Beh mi aspettavo qualche problema più alla portata di un ragazzo, ma è già un inizio. Ma cosa vorresti veramente dalla tua città?

    • FRANCESCO ha detto:

      dipende cosa intendi per “problemi più alla portata di un ragazzo”. E poi ripeto, sono solo piccole cose che ho notato insieme ad altri. Io dalla mia città? trasparenza, più iniziative “ECOLOGICHE” o perlomeno partecipative per la cittadinanza (non le solite sagre del ciufolo) Competitività a livello turistico con costruzione di situazioni atte ad ospitarle, che sò un parco divertimenti, un museo, un’accademia, qualcosa che “ATTIRI”. Ma quest’ultime sono solo fantasie, mi accontento delle prime che ho citato. Poi naturalmente, dipende dalle atre persone cosa vogliono, essendo questi i pensieri di UNO E UNO SOLTANTO. Quindi rigiro la domanda a chiunque leggerà questi commenti (XD)

  3. il monzese ha detto:

    Credo che dalla somma delle risposte a questa domanda si può ricavare le linee guida di un movimento che opera per il paese.
    …ti ho dato l’idea per il prossimo post!?!
    Proviamo con un mini censimento, la domanda è unica:
    Cosa vuoi dalla tua città?
    poi ovviamente a catena si possono aggiungere una sfilza di domande, la seconda credo che sia:
    Cosa fai per la tua città?

  4. FRANCESCO ha detto:

    io non ho l’esclusiva sul sito ci mancherebbe XD chiedi ad angelo le password di wordpress così intervieni anche via web! XD

    • Angelo ha detto:

      Caro Monzese, se appena puoi ci dai una mano (soprattutto con un minimo di continuità) saremo ben lieti di collaborare con Te. Per il momento di energie e persone disposte a collaborare (anche solo online) ne abbiamo davvero poche! Le tue risposte/proposte ci sono sicuramente d’aiuto e le apprezziamo molto.
      Rispondo in prima persona ai tuoi ultimi quesiti.
      Cosa vuoi dalla tua città? Direi tanto… tipo spazi verdi, un piano di viabilità e parcheggi efficiente, una presenza più capillare della polizia municipale, e tante altre cose, ma soprattutto la possibilità di ottenere trasparenza su ciò che avviene in comune anche senza appartenere a nessuno schieramento politico. Ti sembra normale che si arrivi ad uno sforamento di 3 milioni di euro del patto di stabilità in una cittadina come la nostra nella più completa disinformazione???
      Cosa fai per la tua città?
      Beh, insomma quello che posso, da qualche annetto tengo questo blog in piedi, mi faccio i miei gazebo dove cerco di informare la gente che è possibile cambiare solo mettendosi in gioco personalmente, stampo a mie spese volantini, raccolgo olii esausti, ho fatto le riprese dei consigli comunali per un certo periodo (e spero di riprenderle a breve) ho raccolto le firme per l’acqua pubblica, quelle per il movimento Mo Bast contro il caro assicurazione, quelle contro l’aumento del biglietto unico e contro la soppressione dei treni della circumvesuviana…
      Ritengo che per essere da solo e da qualche tempo in 2-3 persone di cose ne abbiamo fatte abbastanza (anche se ce ne sono tante altre per le quali mi rammarico in quanto non ho ne il tempo ne la forza di fare).
      Da un pò, Francesco ha iniziato a scrivere sul blog e secondo il mio modesto parere sta facendo benissimo e non ha dovuto iscriversi a nessun partito o avere una tessera (come accade in altri schieramenti) per poter esprimere il proprio punto di vista…
      Ti invito, come ha fatto Francesco, a partecipare e se vuoi a prendere in carico, secondo le tue possibilità un pezzo del blog…

      A presto e grazie comunque…

      Angelo

  5. il monzese ha detto:

    Sono felice nell’offrire la mia collaborazione e supporto.
    Purtroppo non vivendo più in prima persona la ridente cittadina cercolese, non posso essere una vera parte attiva, ma farò quel che potrò.
    Il passaparola tra amici e parenti è d’obbligo in questo caso.

    Intanto scrivo anche io cosa vorrei o anche cosa avrei voluto meglio dalla mia città, con una doverosa premessa, che alcune di queste (forse per fortuna, puro caso o solo in parte) sono riuscito ad ottenerle.

    – Spazio pubblico a misura di ragazzo con possibilità di praticare attività annesse (sportive, ludiche, socializzazione) in piena libertà e senza vincoli di iscrizione ad associazioni, partiti o movimenti vari.

    – Corsi di formazione pre-lavorativa credo che non sia solo un obbligo degli enti scolastici, ma anche dell’amministrazione comunale, finanziare un corso di formazione professionale può rendere il tuo cittadino utile per la comunità stessa.

    -Sviluppo di mezzi ed impianti per il trasporto e viabilità alternativo all’auto, in pratica una rete di pista ciclabile

    – un impegno reale se occorre forzato, per informare ed educare la cittadinanza che in un paese civile si vive semplicemente meglio e che il più furbo non è altro che il più fesso, ma su questo punto credo che ci sia veramente bisogno di un impegno corposo, sarà utopia, ma questo è un sogno che andrebbe perseguito fino alla morte.

    Invece tra le cose che ho fatto, con orgoglio, tiro fuori dal mio portfolio una battaglia vinta per il recupero del campo storico di basket, comunemente chiamato “o’ spianto”, abbandonato dalle “major” associazioni sportive, e destinato a parcheggio pubblico.
    La raccolta firme e la formazione di una mini squadra stabile, ha permesso di riaccendere i riflettori sul campo e ha innescato l’interesse e la partecipazione di diverse figure, fino alla definita decisione di rendere quello spazio realmente pubblico, con ingresso libero e immune ad iscrizione ad associazioni (monopoliste) sportive.

    Sono felice di sapere che nella mia città c’è ancora qualcuno che opera in nome del buon senso, sono certo che troveremo altri adepti che accetteranno di unirsi a noi e offrire la loro collaborazione.

    Saluti
    Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *